FORMAT. CHE COS'E' IL FORMAT TELEVISIVO, COME SI PROGETTA, by Michele Rak,Walter Ingrassia

By Michele Rak,Walter Ingrassia

Il testo
Il libro descrive il layout, il progetto produttivo usato according to ideare e realizzare i programmi d'intrattenimento della televisione. l. a. programmazione televisiva in Italia è in gran parte composta di layout. Molti quiz, fact exhibit e fiction che seguiamo ogni giorno e con costante interesse sono layout: Grande Fratello, l. a. Fattoria, Chi vuol esser milionario?, Raccontami, L'eredità, Affari tuoi, los angeles ruota della fortuna, I Cesaroni, L'isola dei Famosi. Il structure è un progetto di programma ideato according to los angeles televisione, dotato di tutte le indicazioni necessarie alla sua realizzazione. È confezionato consistent with l. a. vendita in mercati anche lontani da quello di produzione e prevede margini di flessibilità in line with l'adattamento alle tradition locali. È possibile osservare nel structure televisivo alcune componenti dei processi di produzione, standardizzazione, industrializzazione delle opere dell'ingegno tipici dell'industria culturale e della cultura mediale. structure è un modello chiave in keeping with seguire le trasformazioni della produzione di contenuti in line with l. a. televisione negli ultimi venti anni e quelle attualmente in corso.

Show description

Il Gran Teatro del Sacro Monte di Varallo (Saggistica) by Elisabetta Sgarbi,Giovanni Reale

By Elisabetta Sgarbi,Giovanni Reale

“C’è, a Varallo, il Sacro Monte ufficiale, diurno, che fu pensato dall’abate Bernardino Caimi (...). Ma c’è anche, a Varallo, un altro Sacro Monte, che nessuno mai ha voluto o potuto imitare e che appartiene soltanto a questi luoghi e alla realtà di questa valle. È los angeles storia della Valsesia, rivissuta nella storia di Cristo. L’altro Sacro Monte, che soltanto in apparenza coincide con il Sacro Monte ufficiale, è l’armata di terracotta delle ottocento statue che, di cappella in cappella, raccontano los angeles passione e morte di nostro Signore ma raccontano anche sé stesse e le loro storie. Sono le persone che popolano le cappelle con i loro atteggiamenti, i loro visi, il loro aspetto irripetibile e che vissero, bene o male, nelle loro epoche: ma, soprattutto, che vissero tra queste montagne. Ogni tanto, capita che quella folla silenziosa si risvegli. Di notte, quando i pellegrini arrivati con i pullman dormono negli alberghi e non si celebrano funzioni nella basilica. Quando l. a. funivia è ferma e l’unico rumore che si percepisce, nella città rinascimentale addormentata, è lo scroscio lontano dei torrenti Mastallone e Sesia. Può accadere che un orecchio esercitato a cogliere i rumori del pace riesca a percepire, all’interno delle singole cappelle e tra una cappella e l’altra, le voci delle persone che si riconoscono, si chiamano e dialogano tra di loro. Voci di uomini e donne che si amarono o si odiarono; che parlarono (e che ancora parlano) l’aspro dialetto della valle del Sesia o l’idioma incomprensibile dei walser, arrivati dall’altro versante del Monte Rosa, dove le acque scorrono nella direzione opposta e dove i terreni sono ancora più aspri e pietrosi di quelli di qui. In quelle notti di plenilunio, un visitatore attento può ascoltare tante storie. [...] Tutte le storie che si conoscono e anche quelle che non si conoscono. L’altro Sacro Monte, infatti: quello notturno ma anche, mi verrebbe fatto di dire, quello più autentico e vero, è l. a. storia di una valle che ha rappresentato sé stessa e si è raccontata in ottocento statue di legno e di terracotta. È un’opera, nel suo genere, unica al mondo.”
Sebastiano Vassalli

Show description

Architetture di Carlo Rainaldi: nel quarto centenario della by Yuri Strozzieri,Antonio Russo,Laura Marcucci,Tommaso

By Yuri Strozzieri,Antonio Russo,Laura Marcucci,Tommaso Manfredi,Carmen Manfredi,Gaspar dos Reis Souza Lima,Ilaria Delsere,Roberta Maria Dal Mas,Maria Celeste Cola,Sabrina Carbonara Pompei,Fernando Bilancia,Carlo Benveduti,Simona Benedetti,Maria Letizia Acco

A distanza di un cinquantennio dall'ultima monografia dedicata a Girolamo e Carlo Rainaldi, in occasione del 4to centenario della nascita di Carlo (4 maggio 2011), si dà corso alla pubblicazione di ulteriori studi archivistico- documentari e approfondimenti sulle opere di architettura a lui ascrivibili e si propone una revisione critica volta a valorizzare positivamente gli aspetti molteplici del suo operare durante l'età barocca. Sono nation complex inedite ed cutting edge modellazioni virtuali sperimentali, si inseriscono in questo quantity, realizzate sulla base dei disegni d'archivio esistenti tese a rendere percettibili le qualità formali delle opere anche solamente progettate. l. a. parabola operativa di Carlo Rainaldi delinea una personalità alquanto ricca, declinata in una molteplice espressività artistica.

Show description

L'architettura negli archivi: Guida agli archivi di by Aa.Vv.,Antonello Alici,Mauro Tosti Croce

By Aa.Vv.,Antonello Alici,Mauro Tosti Croce

los angeles Guida agli archivi di architettura nelle Marche – esito della collaborazione tra Soprintendenza Archivistica according to le Marche e Dipartimento Dardus dell'Università Politecnica delle Marche – aggiunge un tassello significativo alla composizione del quadro nazionale delle fonti according to l. a. storia contemporanea dell'architettura e del territorio, avviata con il Lazio, l. a. Lombardia e l. a. Toscana. Gli archivi descritti, relativi a una regione ‘di transito' tra i grandi centri del Paese quale le Marche, consentono di ampliare il campo di esplorazione sull'evoluzione della professione dell'architetto e del ruolo della committenza tra i decenni conclusivi dell'Ottocento e le molte stagioni del Novecento. L'accesso a queste nuove fonti permetterà di accrescere los angeles consapevolezza del valore della nostra storia e della nostra identità e di rivalutare e tutelare los angeles città e l'architettura del Novecento, un patrimonio tuttora disconosciuto e a distinctiveness rischio di cancellazione. Il quantity è a cura di Antonello Alici e Mauro Tosti Croce.

Show description

Spazi che contano: Il progetto urbanistico in epoca by Cristina Bianchetti

By Cristina Bianchetti

L’attacco al riduzionismo funzionalista negli anni settanta veniva portato avanti entro almeno due differenti angolazioni. Da un lato Henri Lefebvre, a sfidare l’ortodossia marxista. Dall’altro, los angeles pista anarchica di Colin Ward. los angeles critica al riduzionismo funzionalista è già tutta lì, compresa negli attacchi rivolti all’incapacità del funzionalismo di cogliere l’essenza della città. Oggi il progetto urbanistico rischia di finire entro le maglie di un nuovo funzionalismo. Questa l’ipotesi che il libro propone, a valle di alcune ampie ricerche condotte su territori europei. Il progetto contemporaneo è, di nuovo, un progetto funzionalista perché gioca tutto su aspetti percettivi, di sensibilità, di convenience; sulla necessità di rinforzare identità e abitabilità according to un soggetto scarnificato e astratto; rende lo spazio e l. a. società piatti. Spazio e società non sono piatti, neppure negli anni della crisi che molte cose ha ridotto. Al contrario, i territori europei mostrano questioni complesse che hanno a che fare con le ambiguità del vivere assieme in società individualizzate, con l’intimità e l’esibizione, con il deflagrare dei diritti relativi all’abitare, in un’epoca segnata dalla loro specialty restrizione. Scopo di questo libro è mettere in evidenza questi snodi affinché essi mantengano l. a. loro problematicità. Gli spazi della condivisione, dello stare entre nous, dell’abitare felice nella dispersione, delle passioni gioiose e di quelle tristi, dell’intimité e dell’extimité, gli city interiors, gli spazi generati dalla desingolarizzazione dei diritti funzionano in questo modo. Hanno una certa efficacia nel disvelare, teatralizzandolo, l’orizzonte normativo del reale. Sono spazi che contano esattamente in questo senso: consistent with rapporto ai soggetti, ai corpi, alle passioni, alle pratiche.

Show description

Workshop Missoni. Daring to be Different: Exhibition by Maurizio Bortolotti,Caroline Cox,Roberta Cremoncini,Ali

By Maurizio Bortolotti,Caroline Cox,Roberta Cremoncini,Ali Kazma,Maggie Norden,Paola Noè

The seed of this exhibition was once planted over years in the past while Maggie Norden of the London collage of favor delivered to the museum a variety of pictures illustrating her paintings in growth for the movie The Black and White of color, which accompanies this exhibition. shall we instantly see that the healthy among the designs of Missoni and the works in our assortment was once ideal. Many conferences later, the exhibition began to take form. It used to be consistently very important for the Estorick assortment not just to teach the gorgeous outfits and designs produced via Missoni over their fifty-year occupation, but in addition to make our public conscious of the shut connection among artwork and the Missonis' concept of favor. The hyperlink with Futurism is mainly robust, not just when it comes to the celebratory use of color and a dynamic, geometric vocabulary, yet during the shared trust that utilized artwork might be simply as potent a medium for the inventive impulse as portray or sculpture. (Roberta Cremoncini, Director Estorick Collection)

Catalogue edited via Paola Noè.

Show description

La musica scorre a Berlino: Conversazione con Lidia Bramani by Claudio Abbado,Lidia Bramani

By Claudio Abbado,Lidia Bramani

“Il Muro sarebbe crollato entro un mese e un giorno, il nine novembre 1989, quando Claudio Abbado venne nominato direttore stabile e artistico dai Berliner Philharmoniker. Da allora ha dedicato ore, giorni, anni a creare una sinergia fattiva tra persone, mentalità, istituzioni, dimostrando in dodici anni d’incarico che si può portare los angeles bellezza nella realtà. Un’avventura fantastica. Concepire i Cicli tematici, scegliere le partiture in keeping with soggetti come Shakespeare, il Wanderer, Amoree Morte. Approfondire, imparare, condividere los angeles passione in keeping with i particolari nascosti e rivelatori, i nessi tra opere, allestimenti, prospettive letterarie, filosofiche, pittoriche. Che si tratti di un dettaglio o di una fondante riflessione, Abbado indica una through, che sta al lettore proseguire.” Lidia Bramani

Show description

La finta cupola del Duomo de L'Aquila: Pronto intervento e by Aa.Vv.,Francesca Capanna

By Aa.Vv.,Francesca Capanna

I terremoti che con dolorosa frequenza colpiscono il nostro paese continuano a porre impietosamente alla ribalta l. a. vulnerabilità del patrimonio edilizio antico e le carenze organizzative di fronte all'esigenza di intervenire tempestivamente in line with mettere in sicurezza le strutture, rimuovere le opere mobili e salvaguardare gli apparati decorativi. All'indomani della strong point scossa di terremoto che il 6 aprile 2009 danneggiava gravemente il patrimonio culturale abruzzese ed in particolare quello aquilano, l'Istituto Superiore consistent with l. a. Conservazione e il Restauro, in collaborazione con l. a. Soprintendenza in keeping with Beni Artistici, Storici e Etnoantropologici dell'Abruzzo e con l'Ufficio del Vice Commissario in line with los angeles tutela del patrimonio culturale, è intervenuto consistent with l. a. messa in sicurezza della grande tela del Duomo dell'Aquila, opera dell'Ottocento di Venanzio Mascitelli. Sempre sul fronte dell'emergenza nell'agosto del 2009 i restauratori dell'Istituto si sono occupati, nella Basilica di Collemaggio, di un intervento d'urgenza: lo stacco di un frammento di dipinto murale appartenente advert una porzione del crollato pennacchio sinistro della cupola che occorreva rimuovere. Tutta l'attività condotta in questi mesi, dalla schedatura di Celano ai recuperi di Collemaggio e del Duomo, costituisce un esempio significativo della grande capacità dei tecnici dell'Istituto di operare con generosità e professionalità continuando advert affermare il senso più vero del lavoro comune su cui si è fondato fin dalla sua origine il nostro Istituto. Le problematiche poste dal sisma rendono difficile los angeles strada verso il recupero del patrimonio aquilano, sarà un viaggio lungo che speriamo di poter condividere offrendo tutto il nostro possibile aiuto.

Show description